Il Mercato del Bitcoin è Maturo?

 2 Marzo 2018 Di: Redazione
Bitcoin mercato maturo 2018

All’inizio di quest’anno, quando il prezzo del Bitcoin era caduto di più del 60% dalla sua chiusura record un’altra valore aveva fatto un tonfo in maniera meno evidente: il numero di transazioni giornaliere.

Ci sono molte spiegazioni per la riduzione del trading: dal software alle news sul Bitcon. Ciò che è meno facile da capire è perché il livello non si sia ristabilito in proporzione alla risalita del prezzo e gli investitori si chiedono se la popolarità del Bitcoin stia scemando.

Il numero medio di transazioni giornaliere registrate si è ridotto alla metà dai picchi di Dicembre ed ha toccato il suo minimo da due anni lo scorso mese, anche a discapito della posizione acquisita dal Bitcoin ed al ritorno altre i 10.000 dollari.

I dati riguardo alle transazioni potrebbero non portare buone notizie, stando a Charles Morris, capo del reparto investimenti di Newscape Capital Group a Londra . Il trading e le vendite sul network Bitcoin possono essere misurati da metriche come il volume delle transazioni, è indicativo della direzione del prezzo. Il Bitcoin ha visto un’ iperbole di interesse molto forte che ora sta rallentando. Il mercato potrebbe quindi essere in ribasso.
Per dare una idea delle cifre, si è passati dalle 400.000 transazioni settimanali di dicembre alle 200.000 di questa settimana stando al sito Blockchain.info, cifre viste quando il Bitocoin era sotto i 500 dollari. A livello computazionale siamo passati da 130 milioni di bytes in attesa di essere processati nel network Bitcoin a 35 milioni.

I tempi di conferma delle transazioni sono quindi crollati: questo potrebbe essere dovuto agli sviluppi della tecnologia del network blockchain migliorata per affrontare tali ritardi attraverso il protocollo SegWit. Tali protocollo è infatti stato applicato la scorsa settimana da Coinbase, modificando le modalità di stoccaggio del dato.

Le prospettive del Bitcoin nel 2018

Non tutti sono d’accordo che volumi più bassi rappresentino un problema per il Bitcoin. Potrebbe invece essere un segno di sanità e maturità del mercato che ritorna alla normalità e si assesta su cifre stabili e sostenibili.

Con i prezzi di nuovo in salita, i trader potrebbero essere incentivati e le stime vedono i prezzi a 35000 dollari per la fine dell’anno.

SCOPRI LE PREVISIONI COMPLETE DEL BITCOIN PER IL 2018

Le enormi attese e dei costi di transazione gonfiati sono una eredità che forse è stata lasciata alle spalle. Il declino dei prezzi potrebbe essere proprio connesso alla riduzione delle transazioni. Inoltra nella analisi va considerato che i siti che prima accettavano solo Bitcoin ora permettono pagamenti in diverse criptomonete: se prima della capitazzazione del mercato il Bitcoin copriva 85% del settore, ora stando ai dati di Coinmarketcap.com siamo attorno al 40%.

 

Autore: Redazione