Altcoin bull 2020: è tutto vero?

 14 Gennaio 2020 Di: AC Criptovalute

La domanda che tutti si fanno in questa prima decade di Gennaio 2020 – e se la fanno in molti – è se Bitcoin sta per attraversare una fase bull sul medio e sul lungo periodo.

Da una parte chi attende di vedere i propri investimenti fruttare, dall’altra chi crede nella tecnologia (HOLDER) e sa quanto sarà importante possedere asset in cripto nel prossimo futuro. Oltre a questi c’è una schiera di investitori più strategici che sta aspettando questo momento di ripresa ormai da anni.

Sembra quindi che sul medio periodo (periodo che ci accompagnerà fino all’halving di maggio) ci siano buone aspettative. Addirittura migliori, invece, le proiezioni degli analisti per il lungo periodo: ci sono ottime probabilità che la price action consolidi i vecchi record di prezzo del 2017 e vada oltre.

Nelle ultime settimane Bitcoin ha trovato un buon supporto in area 7.000$, ha passato una resistenza chiave (7.850$) per portarsi sugli 8.000$, in questi giorni si sta consolidando in area 8.000$ creando una figura di triangolo ascendente sull’orario.

Questo tipo di grafico, solitamente porta a una rottura verso l’alto con moderato/forte aumento dei prezzi.

Bitcoin, trend positivo, e dopo?

Sul settimanale, per completare l’inversione bull dobbiamo attendere stabilità sopra la EMA Week 21 (circa 8150$). In questo modo ci si può aspettare un’inversione positiva sul MAC D che darebbe ulteriore conferma del trend positivo.

A mio parere, ma anche secondo l’opinione diffusa di molti altri analisti, nei prossimi mesi vivremo una moderata fase bull con un possibile Hype nel mese di Aprile. La soglia più pesante sarà rappresentata dai fatidici 20K$, che sono e rimangono un’area “difficile” da superare. La probabilità che la price action di BTC si attesti in area 14/16K$ rappresenterebbe già una performance di tutto rispetto.

Le altcoin hanno fatto molto nel precedente ciclo. E ora?

Oltre a Bitcoin il radar degli investitori sembra si stia riaccendendo sulle altcoin.

Sarà probabile rivedere investimenti sulle altcoin con la consapevolezza che il mercato è veramente scarico su questo fronte. La possibilità di un nuovo periodo di hype come successe nel 2017 non è affatto remota.

L’andamento dei prezzi passati di alcune Altcoin (vedi Ripple – XRP) rivela che moltissimo del movimento rialzista si era originato da una costante crescita dei prezzi da fine 2016, che seppur con alti e bassi era culminata con un’entrata in massa di investitori retail.

I record di Bitcoin all’epoca facevano gola, e tanti sono entrati a mercato attirati dai prezzi bassi delle altcoin: per molti investitori l’idea era quella di vedere Ethereum o Ripple valere centinaia (o migliaia) di dollari in pochi mesi. Proprio come era successo con BTC.

Questi investitori, non conoscendo il mercato, si sono letteralmente gettati sul mercato altcoin nella speranza che qualche investimento fatto potesse diventare il nuovo Bitcoin.
Le crescite furono incredibili: così come le perdite a medio termine.

Ma non tutto è perduto e non sarebbe certo difficile rivedere tutto questo hype sulle altcoin. Un simile scenario ha però bisogno di alcune condizioni:

  • Crescita continua di Bitcoin
  • Oltre 1 anno di trend mediamente positivo (senza escludere naturalmente dei ritracciamenti)
  • Superamento della soglia 20 mila dollari (e picchi oltre).

In questa maniera, ci ritroveremo esattamente allo stesso punto con il quale è iniziato il ciclo del 2016: tanti investitori retail attratti dalle altcoin; auspicabilmente potrà ripetersi quello che nel 2017 per molti progetti di criptovaluta minori, è stato un periodo d’oro.

Non esistono però delle tempistiche precise che possiamo applicare a questi cicli, anche perché se dovessimo applicare alla lettera le tempistiche delle fasi precedenti, dovremmo stimare la fine del 2021 come periodo di picco.

Il mercato crypto però, in questi anni è molto cambiato e bisogna tenerne conto.

Autore: AC Criptovalute