PrevisioniBitcoin.it

Robert Shiller, premio Nobel economia:”I bitcoin? Una bolla destinata a durare!”

19/4/2018

Robert Shiller premio Nobel per l’economia ha parlato di bitcoin e moneti digitali alla CNBC, il professore di economia alla Yale University, ha rilasciato delle dichiarazioni scettiche nei confronti dei BTC definendole una bolla, ma ne ha anche riconosciuto un certo valore tanto che è certo che non scompariranno definitivamente dal mercato finanziario ma avranno una loro personale evoluzione.

Shiller nel programma  Trading Nation ritiene che l’affermazione corrente delle criptvalute è data soprattutto dal fatto che gli il genere umano è curioso ma soprattutto bizzarro e questo, per natura, lo spinge ad esplorare nuovi confini. In proposito ha dichiarato:

 Considero Bitcoin come una specie di bolla, non significa che scomparirà…

Questa analisi conferma che l’attrazione nei confronti dei bitcoin anche da parte di persone intelligenti e colte che hanno scelto di dare un opportunità a questo modo alternativo di investire il proprio denaro è soprattutto una questione psicologica e non informatica, anche per questo che le monete digitali possono essere considerate solo una bolla.

Non è la prima volta che il premio Nobel all’economia si mostra così scettico nei confronti delle criptovalute, in passato aveva manifestato sempre alla stampa specializzata sostenuto anche d’alcuni esperti del settore che i BTC oltre ad essere un qualcosa di non concreto sono soprattutto un affare politico: le persone non si fidano più dei propri governi e scelgono d’investire in monete digitali considerandole un’opportunità in più, che va oltre i confini reali e si avvale avvantaggiandosene di quelli virtuali.

Le posizioni di Shiller seppure chiare e dirette non lo rendono immune dal riconoscere la crescita in corso del valore delle monete virtuali, tanto d’essere d’accordo con Tim Draper quando dichiara che nel 2020 i bitcoin arriveranno a  toccare i 250.000$.

Share on Facebook Share on Google+ Tweet about this on Twitter Share on LinkedIn