PrevisioniBitcoin.it

CheapAir verso nuove forme di pagamento: da Coinbase a BitPay?

26/4/2018

CheapAir nota azienda di voli statunitensi ha recentemente pubblicato una lettera in cui chiede ai suoi clienti un parere su un eventuale cambiamento ad una nuova forma di pagamento, in particolare fa riferimento alle monete virtuali mezzo d’acquisto già accettato dalla società.

Jeff Klee amministratore delegato di CheapAir ricordando che l’azienda accetta già pagamenti in bitcoin sia per la prenotazione dei voli che per quella degli alberghi collegati ha chiesto in modo diretto ai propri clienti come reagirebbero ad un cambiamento ad una nuova soluzione di pagamento digitale attuato da un eventuale passaggio da Coinbase a BitPay.

L’opinione dei consumatori usuali dell’azienda è per il CEO determinate sia per la sua produttività finale che per non recare un disagio a quegli acquirenti che solitamente acquistano tramite monete virtuali. Le intenzioni di CheapAir nascono dalla consapevolezza che i recenti cambiamenti annunciati da Coinbase comporteranno alcune problematiche in relazione all’accettazione dei BTC: la  sospensione delle soluzioni “custodial” creerà non pochi problemi negli scambi commerciali e economici le cui transazioni avvengono tramite valute digitali.

La necessità d’attuare un cambiamento deriva appunto dall’evitare ulteriori complicazioni nei pagamenti virtuali, è ovvio che l’eventuale passaggio richiede anche la scelta di un partner affidabile che renda più fluidi gli acquisti: il tutto finalizzato ad una commercializzazione globalizzata che permetta la facile accettazione di monete come  Bitcoin Cash (BCH), Dash e Litecoin (LTC).

In virtù di alcune precendenti collaborazioni Kllee è certo che Bitpay è l’alternativa ideale per superare l’empasse presentata da Coinbase, ma è anche consapevole che il passaggio potrebbe recare fastidi ai suoi clienti soprattutto perchè la piattaforma utilizza particolari wallet conformi al protocollo, per questo ritiene opportuno coinvolgere i consumatori esponendogli tutti i relativi pro e contro della potenziale scelta, e allo stesso tempo spera che quest’ultimi possano rilasciare la propria opinione sia via social o anche per email.

Share on Facebook Share on Google+ Tweet about this on Twitter Share on LinkedIn