PrevisioniBitcoin.it

BTC, Criptovalute e monete digitali: come evitare i raggiri

20/4/2018

Investire nelle criptovalute è oggi qualcosa che non riguarda più i mercati di nicchia, l’interesse verso le monete digitali è sempre più ampio e la sua estensione raggiunge anche quei piccoli investitori che dispongono non d’ingenti capitali ma di piccole somme, investitori che sono certi che il mercato dei BTC è qualcosa destinato a crescere e ad affermarsi ad alti livelli.

Nonostante gli scetticismi di alcune importante voci dell’alta finanza e degli esperti economici le criptovalute crescono di giorno in giorno, le loro oscillazioni nei mercati di scambio esprimono ancora tante incertezze che per certi versi danno vita a numerose truffe.

L’ultima in termini di tempo è quella di TON, progetto che è stato smentito dalla stessa Telegram giorni fa.

Come riconoscere, allora, i raggiri legati alla compravendita dei bitcoin? Quali sono i fattori da identificare per non incorrere in perdite economiche rilevanti? Di seguito sono stati analizzati alcuni aspetti generici di cui tenere conto per evitare quelle truffe reali, ma nascoste d’atteggiamenti persuasivi sfruttati da chi ha maggiore competenza e conoscenza in materia.

Credere che ci sia un accertato margine di guadagno sempre è decisamente errato, chi palesa un capitale garantito e un ulteriore utile certo mente: un investimento in criptovalute produce utile o perdita nella stessa percentuale di rischio, la sua rendita dipende dalle oscillazioni di mercato.

Altro aspetto fondamentale a cui dare poco affidamento riguarda il luogo comune che gli investimenti in BTC producano ricchezza in poco tempo, ma soprattutto senza sforzo.

Affermazione decisamente da smentire! Come la maggior parte delle operazioni finanziarie le variazioni di mercato sono l’unico indice economico a cui fare riferimento: individuare il momento giusto in cui comprare  è il punto di partenza determinante per speculare su un successivo guadagno.

Infine, dettaglio non da poco, è opportuno riaffermare che per investire in monete digitali non c’è un ammontare minimo o massimo, si possono investire 10 euro come 100mila ovviamente le rendite saranno diversificate sia in negativo che positivo, per questo alcuni addetti ai lavori consigliano cifre indicative d’investimento.

 

Share on Facebook Share on Google+ Tweet about this on Twitter Share on LinkedIn