PrevisioniBitcoin.it

Barclays, in prova un trading desk di criptovalute

24/4/2018

L’affermazione delle criptovalute anche nella finanza tradizionale trova oggi più di  una conferma, il mondo delle monete digitali con gli annessi investimenti non è più solo una questione riservata ad esperti di nicchia ma riguarda un pubblico più esteso che a quanto pare ha deciso di non rimanere più solo a guardare: intervenire e diventare soggetti attivi di un cambiamento economico sembra essere necessario e inevitabile.

In questa direzione sta andando Barclays la potente banca internazionale inglese che a quanto pare ha deciso di valutare l’interesse dei suoi clienti nei confronti delle criptovalute. La notizia diffusa da Bloomberg sembra trovare molte conferme tanto che l’eco mediatico suscitato dall’atteggiamento della banca è di rilevanza mondiale visto che mette in primo piano le criptovalute considerandole un investimento a tutti gli effetti, non più solo di settore e destinate a non avere un futuro.

A sminuire i toni Andrew Smith portavoce dell’istituto di credito inglese presente in oltre cinquanta Paesi, che ha dichiarato che per il momento in accordo con i vertici della banca i funzionari stanno solo analizzando, attraverso alcuni quesiti posti ai propri clienti, l’interesse reale di quest’ultimi nei confronti delle monete virtuali.

Smith ha anche aggiunto che non esistono dei piani concreti d’attuazione per operazioni riguardo investimenti criptovalute anche se non può negare che alcuni grandi colossi economici hanno manifestato la loro disponibilità ad accettare di gestire transazioni di questo genere.

I dati raccolti portano a concludere che la finanza tradizionale, seppure scettica e ancora non pronta a debuttare nel mondo economico digitale, non può fare a meno d’andare in questa direzione, entrare nel mercato dei BTC  e vari è determinante per soddisfare le potenziali richieste future dei grandi investitori e anche se mancano ancora gli strumenti idonei lo sviluppo finanziario va sicuramente verso un unica strada: quella delle valute virtuali.

 

Share on Facebook Share on Google+ Tweet about this on Twitter Share on LinkedIn